Cosa Visitare in Salento

Santa Maria di Leuca, la Bianca

Leuca, posta sul punto più a est d’Italia, ha un fascino antico, che risale alla notte dei tempi. “La Bianca”, dal latino Leucos, “per il candore e la nudità degli scogli“, probabilmente visti così, illuminati dal sole, dai marinai greci che provenivano da est. I romani le hanno dato invece il nome di “De Finibus Terrae”, ai confini della terra, tutti appellativi che le conferiscono un’aura speciale. E’ qui che l’Adriatico e lo Ionio si fondono.

Il maestoso faro, risalente alla fine del XVI secolo, è secondo in Italia solo alla Lanterna di Genova. La sua costa è composta da scogli, alternati a calette di sabbia, ma ciò che attira tantissimi turisti in questo lembo di Salento sono le numerose grotte presenti, mèta per appassionati di pesca subacquea e diving.
Tra le grotte più famose, sulla costa adriatica:

  • la Grotta del Diavolo, dove sono stati rinvenuti utensile e ceramiche del Neolitico
  • la Grotta di Porcinara con resti di un insediamento dell’età della pietra e con iscrizioni latine e greche del III e I secolo a.C.
  • la Grotta Cipollina
  • il Ciolo, dal nome di un uccello che vive da queste parti

Sulla costa ionica:

  • la Grotta delle 3 porte, dove furono rinvenuti i resti dell’uomo di Neanderthal e fauna proveniente dall’Africa
  • la Grotta del Drago
  • la Grotta dei Giganti

Anche il suo entroterra non è da poco: paesaggi che allietano l’occhio e ville ottocentesche colorate e principesche che la caratterizzano, come Villa Daniele, Villa Gioacchino Fuortes, Villa Mellacqua, Villa La Meridiana e tante altre con parchi, giardini e cappelle private. Il santuario sulla piazza, si erge su un antico tempio dedicato a Minerva e ha un effetto scenografico, uno spettacolo di rara bellezza, un primo passo per accedere al Paradiso.

Share

Lascia un commento